Biancheria stesa all'aperto

7 consigli per un bucato più ecologico

Quando si tratta di lavaggio vestiti, possiamo compiere scelte e abitudini per farlo nel modo più sostenibile possibile. In molti casi si tratta di piccole e semplici azioni che hanno grandi benefici per la nostra pelle, nostro pianeta e anche per le nostre tasche. 

Fare il bucato ecologico è molto più facile di quanto pensiamo.

LAVIAMO IL GIUSTO

La sostenibilità parte con il lavare i vestiti solo quando è indispensabile. Questo non solo riduce il consumo di energia, acqua e sostanze di scarto che finiscono nello scarico, ma aumenta anche la durata dei capi stessi, dato che ogni lavaggio logora i tessuti. Favorendo uno stile di vita zero waste.

A livello domestico, per evitare che i vestiti si sporchino, si macchino o perdano il loro bell'aspetto, possiamo usare biancheria per la casa , grembiuli o, per esempio, dispositivi anti goccia per le bottiglie di vino, ma anche a riporre i vestiti fuori stagione in scatole, ben piegati (l'accumulo di polvere non solo li rende sporchi ma anche macchiati). 

Altre abitudini consigliate sono: lasciare i vestiti sulle grucce o riposti ben piegati quando ci si spoglia a fine giornata, questo per evitare che si sgualciscano inutilmente, o di far arieggiare i vestiti che sono stati indossati per poco tempo in modo che possano recuperare un odore fresco, evitando di doverli lavare nuovamente.

campo di grano all

LE CHIAVI PER UN BUCATO PERFETTO E SOSTENIBILE

Ecco una serie di consigli per un lavaggio ecologico dei propri capi. A prima vista può sembrare un complesso manuale d'istruzioni, ma è in realtà molto semplice. 


Le spiegazioni di ogni dritta aiuteranno a capire e mettere in pratica queste abitudini per un bucato ecologico.

1. AVVIARE LA LAVATRICE PIENA

Avviando la lavatrice a pieno carico si ottiene la massima efficienza nell'uso dell'acqua e dell'energia: maggiore è il carico, minore è il consumo per chilo di bucato. Infatti, è per questa ragione che stanno entrando in commercio lavatrici domestiche con una capacità massima di 9 o anche 10 kg, mentre in passato raggiungevano i 7 o 8 kg. 

Tuttavia, non dobbiamo esagerare: dobbiamo lasciare circa tre dita di spazio nella parte superiore, in modo che tutti i vestiti siano lavati correttamente e il motore non debba sforzarsi troppo girando. 

2. LAVARE CON UNA BASSA TEMPERATURA IN LAVATRICE

La lavatrice è l'apparecchio che consuma più energia dopo il frigorifero, e il 90% del suo consumo è per il riscaldamento dell'acqua. Un ciclo di lavaggio a 90°C può utilizzare fino a quattro volte più energia di un ciclo a 40°C. In realtà, poche macchie hanno bisogno di una tale temperatura. Il più delle volte 30ºC è sufficiente. Sarebbe più che sufficiente impostare 60ºC per i vestiti più sporchi, per minimizzare le allergie o le malattie infettive.

Fate particolare attenzione al cotone e alla lana, che possono restringersi alle alte temperature. La seta dovrebbe essere sempre lavata a freddo. Fate anche attenzione ai programmi di lavaggio veloce, perché possono aumentare la temperatura internamente. Consigliamo sempre di leggere le istruzioni.

3. COMPRARE GLI ELETTRODOMESTICI CON LA PIÙ ALTA CLASSE ENERGETICA

Oggi è difficile trovare lavatrici con classe energetica A+ o inferiore, e tra una classe e l'altra la differenza di efficienza è del 6%. La classe più comune è A+++ e in alcuni apparecchi il loro consumo di energia si riduce fino al 70%. Gli elettrodomestici più efficienti sono più costosi, ma il costo extra viene di solito ammortizzato in breve tempo grazie al risparmio sulle bollette elettriche, soprattutto nelle famiglie numerose.


Per quanto riguarda il consumo d'acqua, questo varia molto a seconda del carico e del programma: è quindi buona cosa guardare il consumo medio annuo indicato sulla tabella di efficienza energetica. I progressi tecnologici di oggi possono raggiungere vere e proprie imprese di risparmio idrico.


Dobbiamo anche guardare la capacità di carico, e scegliere quello che meglio si adatta al numero di persone in casa e alle esigenze di lavaggio. Un altro parametro interessante è la qualità e il design del tamburo: meno i vestiti sfregano contro di esso, meno si consumano i tessuti.

4. PRETRATTARE LE MACCHIE DIFFICILI

Un altro aspetto molto importante nella fase di carico del bucato è la preparazione preventiva dei capi: spazzolare via lo sporco, controllare bene le tasche (le quali potrebbero saturare i filtri o graffiare l'acciaio del tamburo), aprire le maniche e slacciare i bottoni. È anche meglio girare i pantaloni e gli indumenti che possono scolorire al rovescio. Non dimenticate di lavare i vestiti bianchi o chiari separatamente da quelli colorati.

Anche pre-trattare le macchie è importante! Se non lo facciamo, dovremo aumentare la temperatura di lavaggio, con il conseguente sovra consumo di energia e senza garanzia di successo; infatti, alcune macchie rimangono fisse se vengono lavate a più di 40ºC (macchie proteiche: sangue, uovo, latte, sudore, cioccolato...). Il segreto è rimuoverle il prima possibile per un bucato ecologico impeccabile. 


Almacabio propone uno smacchiatore ecologico a base di bicarbonato di sodio e contiene anche enzimi: Bianco Smacchia.

Un prodotto all'ossigeno attivo perfetto per rimuovere le macchie colorate. Potenzia l'azione smacchiante dei detergenti a mano e in lavatrice. Ottimo per eliminare lo sporco ostinato, il Bianco smacchia possiede un elevato potere igienizzante ed è efficace anche a basse temperature. Un ottimo alleato per un bucato ecologico perfetto.


  • Garantisce il bianco sicuro a tutte le temperature
  • Adatto all'impiego con ogni durezza dell'acqua
  • Igienizza e potenzia l'azione del detergente


5. USARE DETERSIVI ECOLOGICI NATURALI

Utilizzare detersivi eco e bio compatibili è sicuramente parte fondamentale del processo di "bucato ecologico". In questo articolo spieghiamo le ragioni importanti per le quali vale la pena optare per prodotti di pulizia organici, formulati con ingredienti biodegradabili e a base vegetale.


"Un detergente ecologico pulisce meno di uno commerciale?" 

6. DOSARE A SECONDA DELLO SPORCO E DELLA DUREZZA DELL'ACQUA

Possiamo essere tentati di mettere in lavatrice più detersivo di quello indicato dal produttore, per ottenere una maggiore pulizia; ma non è così: troppo detersivo costringe la lavatrice a prolungare la fase di risciacquo (con il conseguente maggior consumo d'acqua) e fa sì che sul nostro bucato rimangano residui di prodotto che li deteriorano.


Se vogliamo sperimentare dosi diverse da quelle indicate, dovremmo provare ad abbassarle nel caso di vestiti poco sporchi, o se la nostra acqua è molto povera di calcare. È quindi importante seguire le indicazioni fornite per un bucato ecologico perfetto.


Leggi l'articolo completo al riguardo nel nostro blog: 


"Come scegliere il giusto dosaggio di detersivo in lavatrice"


7. ASCIUGARE I VESTITI ALL'ARIA APERTA

L'uso di asciugatrici aumentano i consumi, i quali sono molto di più di quelli della lavatrice poiché in questo caso non c'è acqua per attenuare l'attrito con il tamburo. L'opzione più sostenibile è quella di stendere il bucato, il più presto possibile, in un luogo ben ventilato ed evitando troppa luce solare diretta dato che il sole accelera l'asciugatura ma  scolorisce i vestiti, è meglio ritirarli appena sono asciutti. Stendere il bucato riduce anche la necessità di stirare, soprattutto se si ha cura di appenderli.


ALCUNE ABITUDINI AGGIUNTIVE PER UN BUCATO DAVVERO ECOLOGICO

Tenere puliti i filtri della lavatrice. I filtri sporchi di calcare possono aumentare il consumo di energia fino al 20% durante il lavaggio.

• Molte lavatrici non si spengono alla fine del programma, ma rimangono in modalità standby, il che significa che continuano a consumare elettricità fino al lavaggio successivo. Si consiglia di spegnere la lavatrice manualmente, e ancora meglio se si stacca la spina: anche quando è spenta consuma elettricità, anche se molto poco.

Se dobbiamo fare diversi lavaggi di bucato in un giorno, è meglio farli in fila. In questo modo, sfruttiamo il calore che la lavatrice mantiene all'interno e il riscaldamento dell'acqua per il ciclo successivo richiederà meno energia.

• L'evidenza dei tragici effetti del cambiamento climatico sta accelerando. Avere un fornitore di elettricità che garantisce una fonte di energia rinnovabile ci permette di risparmiare sull'emissione del gas serra nell'atmosfera sia quando laviamo i vestiti che in tutte le nostre attività quotidiane.



ENTRA NELLA CASA DEL BENESSERE


Il nostro gruppo Facebook dove trovi video e post su Benessere, consigli sulla detergenza ecologica e cosmetici ecobio.



La casa del Benessere Almacabio
Torna al blog