sapone Marsiglia Almacabio

La storia del sapone di Marsiglia

Come accade spesso per molti oggetti di uso comune, non sono in molti a conoscere l'antica ed affascinante storia del sapone di Marsiglia. Questo detergente, assai comune nelle nostre case, ha alle spalle migliaia di anni di storia e cultura


Il sapone di Marsiglia deriva infatti dall’antico sapone di Aleppo, la città siriana oggi al centro delle tristi cronache della guerra civile. È qui che è nata la tecnica di fabbricazione originaria, a base di olio d’oliva e alloro, che si è diffusa in tutto il Mediterraneo in seguito alle crociate.


Dopo essere passato per l’Italia e la Spagna, il segreto della fabbricazione arriva a Marsiglia dove, già nel XII secolo, c’erano fabbricanti di sapone che usavano il locale olio d’oliva come materia prima.

Circa due secoli dopo, nel XIV secolo, Crescas Davin ottenne il titolo di primo saponaio ufficiale. Mentre nel 1593, Georges Prunemoyr fonda la prima fabbrica di sapone di Marsiglia, lasciandosi alle spalle la produzione artigianale.

 

Tuttavia, all’inizio del XVII secolo la produzione dei saponifici marsigliesi non è ancora sufficiente a soddisfare la domanda della città e dei dintorni. Per questo nel porto continuano a sbarcare saponi da Genova e da Alicante. 


Fu solo in seguito alle tensioni con la Spagna che bloccarono le importazioni di sapone e, di conseguenza, i saponai marsigliesi furono costretti ad aumentare la produzione per venire incontro alle richieste dei clienti in Francia, Olanda, Germania e Inghilterra.

Nel 1660 erano ben sette le fabbriche di sapone, la cui produzione annuale raggiungeva le 20.000 tonnellate. Fu allora, sotto il regno di Luigi XIV, che la dizione “Sapone di Marsiglia” prese ufficialmente piede.


All’epoca il sapone era di colore verde e veniva venduto soprattutto in barre da 5kg o pani da 20kg.

dandelion flower

Nel 1688, grazie all’editto del ministro Colbert, la fabbricazione del sapone di Marsiglia venne regolamentata, mentre nuove fabbriche cominciavano a essere installate in altre città come Tolone o Arles.


Circa 100 anni dopo i saponifici erano diventati 48, per una produzione complessiva di 76.000 tonnellate, in cui erano impiegati 600 operai e 1500 galeotti condannati ai lavori forzati. 


Da allora, l’industria del sapone di Marsiglia non smise di crescere, toccando il suo apice nel 1938, quando la meccanizzazione delle fabbriche consentiva di produrre 120.000 tonnellate di prodotto, senza rinunciare alla sua qualità.

Purtroppo, però, successivamente la produzione è notevolmente diminuita e la maggior parte dei saponifici marsigliesi ha chiuso i battenti. 


Eppure, la storia del sapone di Marsiglia continua anche oggi, in nuove forme e formulazioni!


ENTRA NELLA CASA DEL BENESSERE


Il nostro gruppo Facebook dove trovi video e post su Benessere, consigli sulla detergenza ecologica e cosmetici ecobio.



La casa del Benessere Almacabio

Prodotti delicati e testati


La natura ci aiuta in molti modi. Anche per quanto riguarda i detergenti di uso quotidiano, i più recenti prodotti ecologici – realizzati con materie prime di origine vegetale – sono efficaci quanto le loro alternative convenzionali.

 

Sono 45 anni che ci dedichiamo alla detergenza naturale, ed è per questo che siamo sicuri di offrirti con certezza un prodotto delicato, efficace e testato.

 

Una pratica confezione da 5 saponette di vero sapone di Marsiglia. Può essere usato come sapone per il corpo, grazie alle sue proprietà igienizzanti, oppure come pretrattante per il lavaggio del bucato.

  • Non aggressivo sulla pelle
  • Non altera lo strato protettivo della cute
  • Formula tradizionale

Prodotto seguendo l'antica ricetta del sapone di Marsiglia, Almacabio Marsiglia puro è un detergente non aggressivo naturale e senza sego animale. Oltre ad essere efficace vanta anche ottime qualità cosmetiche. Tutti gli ingredienti risultano ammissibili ed eco biocompatibili in base al disciplinare di certificazione Bio C.E.Q.

Torna al blog